» Mondo
domenica 24/07/2016

La vendetta contro i “bulli” di quel ragazzo invisibile

Ali Sonboly, di origine iraniana, era stato maltrattato. Così aveva organizzato una trappola al McDonald’s per i compagni

Nessun movente politico o religioso. Nessun precedente penale. Solo frustrazione e disagio psichico. Questi gli ingredienti del cocktail letale che ha innescato la follia omicida del diciottenne Ali Sonboly. L’autore del massacro al centro commerciale di Moosach, nella periferia di Monaco di Baviera. Il suo nome tradisce un’origine mediorientale che probabilmente ha tratto in inganno gli […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Primo Piano

Le riforme di Re Giorgio e il germe dell’autoritarismo

Mondo

Armela e gli altri, bersagli perché giovani e sorridenti

Venezuela colonia cubana tra ideologia e petrolio
Mondo
La storia

Venezuela colonia cubana tra ideologia e petrolio

di
Il risveglio degli abusati dai preti argentini
Mondo
La polemica

Il risveglio degli abusati dai preti argentini

di
“Sette anni dopo, sindrome siriana in Libia”
Mondo
La storia

“Sette anni dopo, sindrome siriana in Libia”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×