La tentazione di ridurre i jihadisti a pazzi fanatici

Niente ci inquieta di più dei terroristi che si fanno uccidere per dare la morte. É rassicurante pensare che siano devianti, fanatici religiosi. Ma il “martirio” per una causa come valore positivo c’è in tante culture. Inclusa la nostra

Nell’immaginario occidentale i “terroristi suicidi” sono oggi le più inquietanti figure di un’alterità incomprensibile e minacciosa. Chi sono queste persone disposte a uccidere i nemici, o più spesso dei civili innocenti, e al tempo stesso a sacrificare la propria vita per una causa politica o religiosa? Si tende spesso a spiegare il loro comportamento in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.