La strategia italiana: basta navi militari se l’Ue non accoglie

Il piano per cambiare la missione navale europea Sophia mercoledì a Bruxelles: “Sbarcate i salvati nei vostri Paesi”
La strategia italiana: basta navi militari se l’Ue non accoglie

Salvataggi in mare e richieste d’asilo: pugni sbattuti sul tavolo e alzare la posta. E quindi, se sarà necessario, porti chiusi anche alle navi militari straniere. È questa la strategia che il governo intende usare nei prossimi giorni in Europa. L’obiettivo è costringere gli altri Stati europei a trattare. A rivedere gli accordi di Dublino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.