La “scorta” dei rabbini che vegliano su chi scrive anche durante lo “shabbat”

Gerusalemme - Proibito lavorare nel giorno sacro ebraico
La “scorta” dei rabbini che vegliano su chi scrive anche durante lo “shabbat”

Mi rifugio in una stanzetta tranquilla. Vuota. M’illudo. Un rabbino con lo shtreimel del sabato sul capo – il tradizionale copricapo di pelo degli ebrei chassidici, un colbacco basso e largo per onorare le feste – si avvicina. Apre la Bibbia: “Figliolo, continua a scrivere, anche se è già iniziato lo shabbath?”. Sto peccando, ai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.