La politica della paura ha le sue ragioni

Alle 7:30 del Brexit Day mi è giunto il messaggio di commento di una collega che, per convinzione ed esperienze, è molto europeista: “Sentire Farage: l’esaltazione dell’uomo comune! La geografia elettorale conferma i voti degli operai… I perdenti della globalizzazione ma anche quelli con più aspettative da una democrazia rappresentativa che non può funzionare così […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.