La parabola di Hakim, l’“emiro” di Francia mente dell’attacco a Charlie ucciso dal drone

Il numero 1 - Sarebbe stato lui a coordinare gli attacchi in Tunisia e a Parigi anche nel 2015
La parabola di Hakim, l’“emiro” di Francia mente dell’attacco a Charlie ucciso dal drone

Sono pronto a farmi esplodere, a mettermi addosso la dinamite. Uccidiamo tutti gli americani. Siamo mujaheddin, vogliamo la morte, vogliamo il paradiso”. Boubaker el Hakim pronuncia queste parole nel marzo 2003 a un giornalista francese della radio Rtl che lo ha incontrato in un campo di addestramento per jihadisti in Iraq. Poco tempo dopo, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.