La gavetta al potere

Ventura “mister libidine” Dall’Italsider all’azzurro
La gavetta al potere

Giampiero Ventura avrebbe dovuto invecchiare a Cornigliano, sulla foce del Polcevera, dove lavorò Guido Rossa e dove lo stabilimento dell’Italsider, nei ricordi del probabile nuovo allenatore della Nazionale, era simile alla locomotiva cantata da Francesco Guccini, non a caso – forse – il suo cantautore preferito: “Lo stabilimento eruttava veleni, fumo e fuliggine. Viverci a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.