La folle rimonta di Allegri, il nuovo Trap della Juve

Più di Higuain e dei suo tanti gol, più della (giustificatissima) voglia di non arrendersi di sua maestà Francesco Totti, più dello sportivo pubblico di Frosinone, più del bel campionato del Sassuolo di Eusebio Di Francesco, il 2016 incorona Massimiliano Allegri da Livorno e lo consacra a indiscutibile maestro di calcio. Tra lo scorso autunno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.