Là dove c’era dolore ora c’è una chat. Chi l’ha detto che WhatsApp fa male?

Grazie all’app alcuni parenti delle vittime lombarde delle mafie hanno creato una comunità altrimenti impossibile
Là dove c’era dolore ora c’è una chat. Chi l’ha detto che WhatsApp fa male?

E venne il giorno di WhatsApp. Qualcuno ha avuto l’idea di creare una chat e loro, che non bazzicavano troppo questi strumenti, hanno riscoperto il mondo. “Loro”, ed ecco il senso di questa storia, sono i familiari lombardi delle vittime innocenti di mafia. In realtà tra loro i lombardi veri sono pochi. La stragrande maggioranza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.