La diagnosi sulla sconfitta che il Pd non vuol sentire

Ormai da ex deputato, Gianni Cuperlo indica da dove dovrebbe ripartire la sinistra. Primo: ammettere gli errori. Vale la sintesi che Pietro Ingrao fece della parabola del Pci: “Pensammo una torre, scavammo nella polvere”

Meglio evitare giri di parole. Il Partito democratico venne pensato per la gente, per il “popolo”. Ma la messa in opera ha avuto un timbro diverso. Il disegno, utopico nell’ispirazione, è stato cucito come un vestito di sartoria per un ceto politico. Molti dei guasti di adesso derivano da quella scelta. Dopo la sconfitta peggiore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.