La costituente che il potere vuole ignorare

Avanzo l’opinione che l’Italia stia vivendo da oltre cinque anni una fase Costituente sostanziale. Nel giugno del 2011 il voto sui beni comuni e sul nucleare aveva indicato in 27 milioni il numero degli elettori decisi ad invertire la rotta rispetto al neoliberismo e alle sue ricette di concentrazione del potere pubblico e privato. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.