La corsa ad armarsi in casa, segno di disprezzo per lo Stato

Caro Furio Colombo, perché piace così tanto, a così tanta gente, l’idea di uccidere in casa ? Eugenia   La lettera sintetizza un vero e proprio plebiscito in favore delle armi da possedere, tenere in casa e usare all’istante, se necessario, in caso di intrusione di male intenzionato, quasi certamente immigrato. È un fenomeno interessante […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.