La Capitale della discordia e il salto nel vuoto di Trump

Il presidente Usa definisce scontata la scelta di spostare l’ambasciata e conferma la soluzione dei “Due Stati”. Contrario il Papa
La Capitale della discordia e il salto nel vuoto di Trump

Il dado sarebbe dunque tratto. Trump ha osato quello che dal 1995 i suoi predecessori non avevano fatto: dare seguito alla legge varata 22 anni fa dal Congresso americano che ordina di spostare l’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Da Bill Clinton passando per George W. Bush fino a Obama, nessun inquilino della Casa Bianca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.