Juve e mafia, Agnelli rischia ma Elkann (per ora) lo salva

Notificato il deferimento al giudice sportivo, è accusato di “collaborazione con la criminalità organizzata”. Lo spettro dell’interdizione temporanea e il sostegno del cugino
Juve e mafia, Agnelli rischia ma Elkann (per ora) lo salva

Sui biglietti agli ultras in odore di ’ndrangheta la Procura della Figc aumenta il carico contro il presidente della Juventus Andrea Agnelli, che ora traballa. È accusato di aver alimentato il bagarinaggio e di “‘collaborazione’ con la criminalità organizzata”, ha spiegato lui stesso ieri nel centro sportivo di Vinovo, dove era in programma la conferenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.