Jim che sussurra ai perdenti

Jim che sussurra ai perdenti

Theresa May ha sempre odiato quella terribile tappezzeria fiorata verde e albicocca di Downing Street, i quadri alquanto iettatori degli ex premier in posa e i soliti cavalli e segugi, per non parlare delle teiere vittoriane in Sheffield così pesanti da versare. Quando si è trovata primo ministro al seguito delle inaspettate dimissioni di Cameron, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.