Italia e Francia, i parenti serpenti. Qualcosa che persiste e preesiste

Le frizioni tra i due Paesi agli inizi del ’900 ricordano la supponenza espressa da Macron nei confronti del governo Conte

L’epoca della soggezione preesiste. E persiste. Ecco una scena. Camille Barrère è l’ambasciatore di Francia a Roma. Interpellato dal ministro degli Esteri, Théophile Delcassé, Barrère – oltretutto considerato tra i più filo-italiani nella storia della diplomazia francese – chiude il suo dispaccio così: “Ogni espansione nel Mediterraneo deve mettere l’Italia in una situazione tributaria verso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.