Isis, profughi e barconi: l’Alessandria del dolore

La Libia è troppo pericolosa, quindi il paese di al-Sisi è uno dei più battuti dai trafficanti di uomini. E la storica città è uno degli snodi grazie al suo porto
Isis, profughi e barconi: l’Alessandria del dolore

Il mare in tempesta mette tutti d’accordo. Niente partenze oggi e, forse, neppure domani. Le condizioni meteomarine non inducono all’ottimismo. Neanche i velisti più abili se la sentirebbero di buttarsi in acqua con onde simili, men che meno i pavidi scafisti, a cui, prima di lasciare la “loro merce”, tocca fare un pezzo di tratta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.