“Io non dovrò firmare un codice come quello del sindaco di Roma”

“Io non dovrò firmare un codice come quello del sindaco di Roma”

Prima uscitapubblica per Luigi Di Maio da candidato premier del Movimento 5 Stelle: il vicepresidente della Camera sceglie, per il debutto nella nuova vesta, il Tag di Milano, vale a dire il Talent Garden, uno spazio di co-working fondato nel 2011. Una delle domande più insidiose riguarda il codice di comportamento (o di fedeltà alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.