Inaugurazione con lunghe code, lezioni civili e le solite ovvietà politiche

Inaugurazione con lunghe code, lezioni civili e le solite ovvietà politiche

Alessandro Galante Garrone e Norberto Bobbio la definivano “l’altra Italia”, quella delle minoranze virtuose, dal Risorgimento alla lotta di liberazione e del Dopoguerra, che si sono opposte all’eterna Italia dei furbi e dei corrotti. Al Salone del Libro, che ha aperto i battenti con lunghe code agli ingressi (anche di cento metri) e moltissimi giovani, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.