Il “vaffa” era salutare, ma senza un’etica condivisa non si costruisce niente

Il “vaffa” era salutare, ma senza un’etica condivisa non si costruisce niente

Ho partecipato al Vaffa-day e lo rifarei. Il punto non è quanto si risolva con un “vaffa”, che all’epoca era sacrosanto e salutare. Il punto è che quando poi si tratta di costruire c’è bisogno di un’etica condivisa. E l’etica non è essere contro il doppio mandato o gli inceneritori. L’etica, in sintesi, è agire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.