Il sordo lamento di tre “sinistrati”

Ecco alcune testimonianze che ho raccolto girando per l’Italia. Prima di questa tornata elettorale. Ma il risultato non cambia.   Martedì scorso, come ogni giorno, mi sono alzata all’alba per prendere il treno e poi un altro treno per Bologna. Ho un contratto a cottimo come contabile in una piccola impresa, guadagno meno di 600 […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.