Il patriottismo in Volkswagen

Il bimbo crebbe, si volle sex symbol, infine figo. Poi l’infortunio
Il patriottismo in Volkswagen

Continua la campagna di marketing strategico 2.0 della poderosa macchina mediatica del nostro premier. Tutto cominciò con la ficcante iconografia del volto da uomo-pesce che indossa sguardo e giubbotto di Arthur Fonzarelli (Fonzie); il bimbo boy-scout s’era fatto maschio, la braghetta s’era allungata e il peluche che era in lui anelava al sex symbol. Seguirono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.