Il pastore senza proseliti divenuto simbolo della contesa

Il pastore senza proseliti divenuto simbolo della contesa

Un califfo come Erdogan, da quasi un ventennio pezzo da novanta sulla scena mondiale, è un osso duro per Trump. Sono giorni che i leader dei due paesi si scambiano stoccate: sciabolate, sanzioni e di piantare la Nato in asso. La Turchia è un membro dell’Alleanza, ma Erdogan sa fare giochi doppi e tripli, come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.