Il pasticcio su “medici” e “cibo” che toccherà ai giudici dirimere

Il baco - Due commi della legge sono contraddittori su deontologia e trattamenti
Il pasticcio su “medici” e “cibo” che toccherà ai giudici dirimere

Ad aprile, la condizione perché il ddl sul biotestamento fosse approvato alla Camera a un certo punto sembrava dover essere l’esclusione di nutrizione e idratazione artificiali dalla categoria delle “cure”. Nodo su cui si erano concentrati sia i deputati di area cattolica (a favore), sia centrosinistra e M5S (contrari). Al centro, era finita la richiesta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.