Il Papa è l’ultimo a credere che l’Europa possa salvarsi

Francesco contro le radici “giudaico-cristiane”

Sono consapevoli dell’assurdità: dare un premio che riassume i valori europei a un argentino, capo (non eletto) di uno Stato che è nel territorio dell’Unione europea ma non vi appartiene. Eppure, i presidenti della Commissione europea Jean Claude Juncker e dell’Europarlamento Martin Schulz rivendicano la decisione di consegnare il premio Carlo Magno a Papa Francesco, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.