Il “Panorama” della diaspora

Il “Panorama” della diaspora

Qui si parla di migrazione, ma scordiamoci per un attimo i barconi: un migrante è anzitutto uno che parte, un fratello, una sorella, un figlio, un fidanzato, un cugino, un nipote, un topo di campagna che si trasferisce in città, altrove, fuori dai confini del paese, del Paese, della Ue, del Patto Atlantico… “Who are […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.