“Il mio Pietro, un combattente. Ma il peggior nemico di se stesso”

A quattro anni dalla morte, parla la moglie di uno degli atleti più amati: “Era un sognatore, ma ha saputo realizzare tutto”
“Il mio Pietro, un combattente. Ma il peggior nemico di se stesso”

Correva. Con il sole, con la pioggia, con il vento. Correva per conquistare il mondo. E ci riuscì, vincendo l’oro olimpico nei 200 metri a Mosca nel 1980. Pietro Mennea, il ragazzo del Sud, venuto da Barletta. Un uomo, non solo uno sportivo, da record. Primatista mondiale dal ’79 al ’96 con un tempo, 19’’72, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.