Il magistrato e quella soffiata ai Salvo. Perché fu ucciso il fratello Piersanti

“L’allora procuratore Pajno svelò i contrasti con Vito Ciancimino”
Il magistrato e quella soffiata ai Salvo. Perché fu ucciso il fratello Piersanti

Fu un magistrato della Procura di Palermo a passare a Nino Salvo, l’esattore mafioso di Salemi, la notizia che il presidente della Regione siciliana Piersanti Mattarella a Roma si era lamentato di Vito Ciancimino: “Quel magistrato era Vincenzo Pajno, che era onesto, ma era intimo dei Salvo e, senza sapere che fossero mafiosi, li informò […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.