Il lungo applauso per l’ultimo “esaurito” della carriera di Totò

Il 15 aprile 1967 il più grande comico dà l’addio alla vita. Nella sua Napoli, al Carmine, una folla immensa partecipa alle esequie: è la prima adunanza di massa del dopoguerra
Il lungo applauso per l’ultimo “esaurito” della carriera di Totò

Il 15 aprile 1967, verso le tre del pomeriggio, scendevo a via Roma dal Corso Vittorio Emanuele attraversando i vicoli dei Quartieri. Dai bassi uscivano donne in lacrime. Singhiozzavano. “È mmuorto Totò!”. E s’abbracciavano per compianto e condoglianza, come quando un genitore, un congiunto, entra nel regno donde non si torna. Di quel pianto tutta […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.