“Il divieto d’appello del pm punisce le vittime dei reati”

Il procuratore Menditto - “La riforma prevede che in caso di condanna l’accusa non possa ricorrere. Così si impedisce un riesame complessivo”
“Il divieto d’appello del pm punisce le vittime dei reati”

C’è una riforma, entrata in vigore il 6 marzo 2018, che piace moltissimo agli avvocati ma che sta facendo infuriare le Procure d’Italia. Riguarda il divieto per i pubblici ministeri di proporre appello, per ottenere una pena più severa, se un imputato viene condannato in primo grado. Divieto che vale anche se c’è un’impugnazione del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.