Il corpo bruciato di una donna vicino a un centro migranti

Il corpo bruciato di una donna vicino a un centro migranti

A trovare il corpo, seminudo e parzialmente bruciato, è stato verso le 7.30 un migrante del Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara) di Borgo Mezzanone, vicino Foggia, che dista poche centinaia di metri. Il giovane si stava recando a piedi al lavoro quando, attraversando un campo, ha notato il cadavere, a ridosso di una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.