Il Colle frega Matteo: “Nuova legge, niente elezioni anticipate”

Ancora melina dem - Dopo l’ingiunzione del Quirinale la Camera finge di non capire: se ne parla tra un mese
Il Colle frega Matteo: “Nuova legge, niente elezioni anticipate”

A quattro giorni dalle fatidiche primarie del Pd, l’appello di Sergio Mattarella è come se anticipasse le prevedibili mosse di Matteo Renzi domenica notte, una volta rieletto segretario dem. Oggetto: l’agognata legge elettorale, che a parole tutti vogliono ma che in realtà è stata inghiottita dalla palude di questo crepuscolo della legislatura. E così il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.