Il buon lavoro della propaganda

Renzi e il suo stormo di twittatori festeggiano i nuovi dati Istat con numeri mirabolanti: le tabelle raccontano un lieve aumento degli occupati tra gli over 50 (che non vanno più in pensione)
Il buon lavoro della propaganda

Le vecchie abitudini sono dure a morire. Questo mese, a differenza di quello scorso, i dati Istat sul lavoro sono (lievemente) positivi e tanto è bastato a riportare al lavoro i polli da batteria del tweet renziano: Gennaro Migliore, Alessia Rotta, Anna Ascani, Francesco Nicodemo e compagnia cinguettante. Tutti più o meno uguali: “Alle polemiche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.