Igor il Russo, il mostro che nessun premio Strega saprà mai raccontare

L’Italia è l’unico Paese dove agli scrittori non è chiesto di essere artisti e dunque anche sregolati, eccentrici e bastardi

La titolare di una libreria (una vera libreria) scorre avvilita l’elenco dei dodici titoli finalisti dello Strega, il più ambito dei premi letterari e domanda: “Ma ci si può ridurre così?”. Il livello, aggiunge, è decisamente basso: “Se muore l’editoria è anche colpa di un mercato che rinuncia alla qualità artistica per guadagnare il presto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.