I soldi al Comitato del Sì sono bloccati: ma c’è la banca amica

Cavilli - Per un pasticcio sul decreto Letta che abolisce il finanziamento ai partiti, la Camera non può elargire gli oltre 500 mila euro previsti per chi raccoglie le firme
I soldi al Comitato del Sì sono bloccati: ma c’è la banca amica

Eadesso chi paga? Sul comitato renziano del Sì cala inesorabile l’incredibile pasticcio nascosto da norme e codicilli della riforma del governo Letta che abolisce il finanziamento pubblico ai partiti. In pratica, i soldi ci sono, la cosiddetta “dotazione”, ma per la legge non c’è più un organo per elargirli. Un pasticcio, appunto, che rischia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.