» Commenti
giovedì 21/07/2016

I lavori pubblici e i nuovi misteri dello stretto

Poco più di due anni fa, il 28 aprile 2014, il dirigente del Comune reggino che è al centro dell’inchiesta della Procura antimafia in corso nel capoluogo calabrese e si chiama Marcello Cammera, è rimasto al suo posto dopo che il Comune è stato sciolto per infiltrazioni mafiose. “Dal primo gennaio 2010 al 28 marzo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Commenti

Boschi, l’indecenza intellettuale

Commenti

No Tav, le iniziative “improvvide” dei magistrati

Commenti

Carcere, la riforma non è per i boss

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×