I due fratelli scaricano il capo “Eravamo i suoi cagnolini”

Gli stupri di Rimini. Arrestato l’unico maggiorenne del gruppo, stava scappando, aveva cambiato telefono: nega ma aveva l’orologio dell’amico della polacca violentata. Attese le prove del Dna
I due fratelli scaricano il capo “Eravamo i suoi cagnolini”

I quattro del branco di Rimini tentano di alleggerire la loro posizione. Come se la duplice violenza della quale sono accusati fosse un semplice furto. I due fratelli di 15 e 17 anni scaricano la colpa sul più grande di tutti, il congolese 20enne Guerlin Butungu, arrestato ieri mentre tentava di fuggire in treno. “Era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.