» Cronaca
lunedì 04/09/2017

I due fratelli scaricano il capo “Eravamo i suoi cagnolini”

Gli stupri di Rimini. Arrestato l’unico maggiorenne del gruppo, stava scappando, aveva cambiato telefono: nega ma aveva l’orologio dell’amico della polacca violentata. Attese le prove del Dna
I due fratelli scaricano il capo “Eravamo i suoi cagnolini”

I quattro del branco di Rimini tentano di alleggerire la loro posizione. Come se la duplice violenza della quale sono accusati fosse un semplice furto. I due fratelli di 15 e 17 anni scaricano la colpa sul più grande di tutti, il congolese 20enne Guerlin Butungu, arrestato ieri mentre tentava di fuggire in treno. “Era […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

La manovra farà di Paolo il fantasma un leader politico

Cronaca

Nel paese che non odia gli stranieri il rifugiato è diventato un criminale

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento
Cronaca
Racket in Sicilia - Beffa - Erano stati arrestati il 22 gennaio

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento

L’agente provocatore ci serve
Cronaca
L’intervento

L’agente provocatore ci serve

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×