I dimenticati all’inferno della rotta balcanica

A una manciata di chilometri dal confine con la Croazia c’è il centro di accoglienza della Croce rossa: settecento persone in uno scheletro di mattoni dopo la fuga dai tiranni Erdogan e Assad
I dimenticati all’inferno della rotta balcanica

Sono almeno settecento, vivono in uno scheletro di mattoni e intonaco. Niente porte, né finestre, non ci sono i bagni e mancano anche i pavimenti. Il centro di accoglienza della Croce rossa bosniaca a Bihaç è un palazzo abbandonato. Il confine con la Croazia dista una manciata di chilometri. Da metà maggio questa zona è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.