I bambini d’Africa vittime e carnefici del jihad

Ruoli opposti. Sono i primi perseguitati del conflitto, tra chi diviene kamikaze e chi muore di fame
I bambini d’Africa vittime e carnefici del jihad

Nigeria, Camerun, Niger e Ciad sono devastati da attentati, saccheggi e rapimenti che dal 2009 ha già causato almeno 20.000 morti e 2,6 milioni di sfollati. Il nome di Boko Haram è circolato soprattutto dopo il rapimento a Chibok, in Nigeria, nell’aprile 2014, di 276 studentesse, suscitando rabbia e sgomento. Tra i volti noti della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.