“Ho già vinto: se non mi fossi candidato, sarei finito asfaltato”

La politica e il dolore, la canottiera e le primarie: “Volevano farmi fare il supporter, il coro: o stai nell’ombra o in silenzio”
“Ho già vinto: se non mi fossi candidato, sarei finito asfaltato”

Dieci secondi dopo avevo già fatto la diagnosi accurata, super-perfetta”. La politica vuole risposte certe e Michele Emiliano le dà. Avevo rotto il tendine di Achille all’altra gamba nel ’98. Stesso dolore, stesso crac quindi nessuna sorpresa. L’urgenza per me era tranquillizzare i miei ospiti, non mettere a repentaglio la bellissima festa che la comunità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.