Hassan, il writer torturato: “Sfottevo Assad a casa sua”

Le parodie del regime sui muri del feudo del raìs a Latakia
Hassan, il writer torturato: “Sfottevo Assad a casa sua”

In Italia, se sorpreso a scrivere sui muri, al massimo si rischia un’ammenda o la celebrazione di grande artista di strada. Certo, dipende dal contenuto dei murales. In Siria, specie agli albori della rivoluzione, scrivere frasi offensive contro il governo o dipingere il male del regime, significava mettere a repentaglio la vita. Ed è quanto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.