Grosso guaio a Tripoli: il presidente e gli alleati riluttanti al “cessate il fuoco”

La pace a parole - Il 2 maggio ad Abu Dhabi era stata raggiunta la stessa intesa di Parigi
Grosso guaio a Tripoli: il presidente e gli alleati riluttanti al “cessate il fuoco”

Quanto l’intesa di Parigi – orchestrata da un Emmanuel Macron in format Napoléon-Jupiter – sia fragile, lo dimostra la tappa romana di ieri di Fayez al-Serraj, presidente del Governo di Accordo Nazionale Libico (GNA), insediato a Tripoli grazie all’appoggio di Onu e Ue: è arrivato ieri mattina in Italia senza la “controparte” dell’accordo, ossia l’uomo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.