Grillo doveva scegliere Di Maio ed evitare l’inutile teatrino

Grillo doveva scegliere Di Maio ed evitare l’inutile teatrino

Non ci sarebbe stato nulla di scandaloso se Beppe Grillo (con il conforto di Davide Casaleggio o di altri consiglieri fidati) avesse indicato lui il candidato premier del Movimento 5 Stelle. Per più di un motivo. Primo: perché se non ci fosse stato Beppe Grillo il Movimento non esisterebbe, e secondo: per il suo ruolo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.