“Gli impianti sono circondati da sostanze tossiche”. E intanto i fondali sprofondano

I dati ministeriali confermano i timori degli ambientalisti

Prima di tutti, è arrivata Greenpeace: a luglio, l’associazione ha chiesto al ministero dell’Ambiente i dati sui monitoraggi delle piattaforme offshore per l’estrazione di gas e petrolio. I rilievi sulle 34 piattaforme di cui si sono avute notizie sono realizzati dall’Ispra, l’Istituto superiore per la ricerca ambientale, ente pubblico e sotto la vigilanza del ministero […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.