Fermi tutti, l’Apocalisse non è ancora arrivata

Nell’ultimo anno e mezzo si sarebbero dovuti rovesciare gli equilibri mondiali. Così non è stato. La beffa è che solo l'Italia tiene ancora duro
Fermi tutti, l’Apocalisse non è ancora arrivata

Le prime avvisaglie di quella che l’establishment internazionale temeva potesse trasformarsi in una sconvolgente apocalisse politica che avrebbe definitivamente rovesciato gli equilibri mondiali si ebbero in Francia, all’inizio dell’inverno 2015: Marine Le Pen, leader del Front National, partito dell’estrema destra xenofoba e antieuropea, si apprestava a una clamorosa vittoria nelle elezioni regionali. Il pericolo fu […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.