False fatture, Ricucci in cella. Indagato pure un giudice

Dopo 10 anni, estate nera per il “furbetto del quartierino”: giro da un milione di euro
False fatture, Ricucci in cella. Indagato pure un giudice

Quando alle sei di ieri mattina, la Guardia di finanza ha bussato alla porta del suo appartamento in via Pinciana, a Roma, Stefano Ricucci – l’imprenditore noto alle cronache per essere l’inventore della frase “furbetti del quartierino” – forse non immaginava che per lui stava iniziando un’altra estate nera. Proprio come quella di 10 anni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.