F-35 e armi di Stato: il silenzio è d’obbligo

La vicenda dei caccia è tutt’altro che chiusa

Una delle risorse principali della criminalità organizzata è il commercio di armi. Non è bello che lo sia anche dello Stato, ma a quanto pare questo accade in Italia. L’informazione non documenta il lavoro parlamentare ma quello che il governo vuole portare all’attenzione dei cittadini. Siamo tornati all’epoca di Craxi quando da via del Corso […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.