Era meglio il nero del biondo: vita da narcos ai tempi di Trump

Era meglio il nero del biondo: vita da narcos ai tempi di Trump

Il 12 luglio 2015, El Chapo Guzman, capo del cartello di Sinaloa e fra i principali artefici del narcotraffico messicano, evadeva dalla prigione “di massima sicurezza”. Qualche giorno dopo, su un profilo Twitter con il suo nome, appariva una minaccia diretta a Donald Trump: “Ti farò rimangiare le tue parole”, in riferimento ai giudizi poco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.