Eni, il procuratore di Siracusa rischia il posto

La relazione - Possibile trasferimento per non aver controllato il pm Longo poi arrestato da Messina
Eni, il procuratore di Siracusa rischia il posto

Il procuratore di Siracusa Francesco Paolo Giordano potrebbe essere trasferito dal Csm per incompatibilità ambientale. L’ipotesi sarà vagliata oggi dalla Prima commissione. È la Procura in cui ha lavorato Giancarlo Longo, arrestato la settimana scorsa per associazione a delinquere e corruzione, già trasferito al tribunale civile di Napoli dopo l’inchiesta a suo carico a Messina: […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.