» Cronaca
giovedì 15/02/2018

Eni, il procuratore di Siracusa rischia il posto

La relazione - Possibile trasferimento per non aver controllato il pm Longo poi arrestato da Messina
Eni, il procuratore di Siracusa rischia il posto

Il procuratore di Siracusa Francesco Paolo Giordano potrebbe essere trasferito dal Csm per incompatibilità ambientale. L’ipotesi sarà vagliata oggi dalla Prima commissione. È la Procura in cui ha lavorato Giancarlo Longo, arrestato la settimana scorsa per associazione a delinquere e corruzione, già trasferito al tribunale civile di Napoli dopo l’inchiesta a suo carico a Messina: […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca

Molestie, in tre denunciano Fausto Brizzi: l’accusa è violenza sessuale

Commenti

Rimborsi. Il vero nodo adesso potrebbe essere la reazione degli attivisti delusi

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento
Cronaca
Racket in Sicilia - Beffa - Erano stati arrestati il 22 gennaio

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento

L’agente provocatore ci serve
Cronaca
L’intervento

L’agente provocatore ci serve

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×