“È proibizionismo”. La rivolta dei signori del gioco di azzardo

Summit col capo di Confindustria Boccia - Affari
“È proibizionismo”. La rivolta dei signori del gioco di azzardo

“Restrizioni di orari, distanziometri, limitazioni nella pubblicità: ormai siamo in pieno proibizionismo!”. “È il coprifuoco, si uccidono le aziende pensando di aiutare i giocatori, ma così li spingono verso l’illegalità e a noi ci cacciano dal territorio”. Sono solo alcune delle espressioni usate dagli otto relatori scelti tra i responsabili associativi ognuno per il loro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.